Forse

 

Buongiorno a tutti e benvenuti ad una nuova puntata del Podcast di Niente Paura!

le occasioni mancate ed i rimpianti sono degli eventi che possono addolorarci anche a distanza di anni. Spesso uno dei concetti più spinosi che sentono dire dai miei pazienti si racchiude nella frase… “E se?”.

“Se avessi previsto, se avessi saputo, se avessi fatto, se avessi capito” eccetera eccetera.

Quando sento queste frasi mi viene in mente una vecchia storiella cinese che mi ha aiutato a vedere le cose da un’altra prospettiva…

Scopriamola insieme!

 

L’argomento del giorno

 

C’era una volta un contadino molto povero che per arare il suo campo aveva a disposizione solo un vecchio cavallo malconcio, invece di una coppia di buoi come i suoi vicini più facoltosi.

Una notte il vecchio cavallo scappò dalla fattoria privando così il contadino del suo unico mezzo di sostentamento.

I compaesani quando seppero della fuga del cavallo si impietosirono e cercarono di consolare il contadino.

Questi invece non sembrava avesse bisogno di essere consolato, e quando i compaesani dissero che era stato sfortunato lui rispose “Forse”.

Qualche giorno dopo il vecchio cavallo tornò alla fattoria, portandosi al seguito una mandria di cavalli selvaggi. Prontamente il vecchio contadino domò i cavalli e impresse loro il suo marchio, rendendoli di fatto una sua proprietà agli occhi della legge.

Gli abitanti del villaggio allora tornarono dal contadino, questa volta per congratularsi con lui e per constatare quanto fosse stato fortunato.

Anche in questo caso il contadino rispose “Forse”.

Dopo qualche giorno uno dei cavalli selvaggi che non si era completamente addomesticato diede un violentissimo calcio al figlio del contadino, rompendogli una gamba e rendendolo zoppo.

Gli abitanti del villaggio si riunirono di nuovo a casa del contadino, contriti per quell’incidente e dichiarando che quella non poteva che essere una grandissima sfortuna, infatti il vecchio contadino avrebbe dovuto continuare ad accudire il figlio zoppo invece che essere accudito.

Contro le loro aspettative, il saggio contadino rispose “Forse”.

Circa un mese dopo nel villaggio arrivarono i soldati dell’imperatore con l’ordine di reclutare tutti i giovani del villaggio in preparazione di una nuova guerra.

L’unico che non reclutarono fu il figlio zoppo del contadino saggio, proprio a causa della sua menomazione.

Quell’incidente salvò la vita al ragazzo, in quanto in quella guerra nessuno dei giovani del villaggio sopravvisse.

Anni dopo, gli abitanti sconvolti dai loro lutti si riunirono dal vecchio contadino, e gli dissero che aveva avuto ragione; la menomazione del figlio non era stata una disgrazia ma una vera fortuna; ed ancora una volta il contadino rispose “Forse”.

 

 

Perché è importante

 

I rimpianti avvelenano i nostri ricordi e fin troppo spesso non ci rendiamo conto di quanto siamo stati fortunati che le cose siano andate in un determinato modo, perché non sappiamo in quale altro modo le cose sarebbero potute andare.

Ogni volta che ho un rimpianto penso a quando ero all’università. Io ho studiato all’università degli studi de L’Aquila, e mi ricordo di quanto impegno misi per cercare di essere ammesso presso la casa dello studente.

Quando per il secondo anno di fila venni rifiutato perché non rispettavo i criteri richiesti, mi ricordo che mi arrabbiai molto e mi incupii, in quanto la casa dello studente sarebbe stato un ottimo modo per me di vivere la vita universitaria senza dover sostenere un affitto, invece mi veniva negata quella possibilità.

Il 6 Aprile del 2009 alle ore 3 e 32 ci fu il terremoto de L’Aquila, che distrusse la città e frantumò la casa dello studente (anche per colpa dei materiali scadenti con cui essa era stata costruita) uccidendo 8 ragazzi.

Con il senno di poi, io avrei benissimo potuto essere il nono studente sotto le macerie, invece mi salvai perché, secondo gli addetti dell’università, io non avevo i requisiti necessari.

 

 

I consigli dello psicologo

 

Veniamo adesso ai consigli pratici:

Il mio primo consiglio è quello di ricordarsi della risposta “Forse” ogni volta che le cose non vanno come avremmo voluto che andassero. Prendendo il mio esempio, quando non mi ammisero alla casa dello studente avrei potuto dire “Sono stato davvero sfortunato”. Il saggio contadino probabilmente mi avrebbe risposto “Forse” ed io avrei capito cosa intendesse solo dopo il terremoto.

 

Il secondo consiglio è quello di non fermarsi sugli allori quando invece ci succede qualcosa di bello. Ogni tanto si legge sui giornali di persone che dopo aver vinto alla lotteria o dopo essere diventate famose, hanno dilapidato le loro fortune e sono diventate più povere e infelici di prima. Quando vi succede qualcosa di bello quindi, non adagiatevi e ricordate che è vostra responsabilità trarre il meglio da quanto ottenuto, altrimenti un risvolto apparentemente positivo “Forse” potrebbe rivelarsi più negativo di quanto non appaia.

 

 

Saluti e anticipazioni

 

Eccoci arrivati alla fine di questa puntata.

Cosa ne pensate di questo episodio? Vi viene in mente un momento in cui ciò che un tempo avete ritenuto negativo si sia invece rivelata una fortuna?

Per farmi sapere vi invito ad iscrivervi al gruppo Telegram di “Niente Paura”, dove potrete far sentire la vostra preziosa opinione, grazie alla quale questo podcast migliorerà sempre di più.

Vi invito anche a condividere questa puntata con le persone che conoscete e che sono interessate alla psicologia, alla crescita personale e che abbiano dei rimpianti.

Se vi piace l’uso delle e-mail vi invito anche ad iscrivervi alla newsletter di “Niente Paura”, in modo da non perdervi nessuna nuova uscita e poter riscattare il vostro regalo gratuito “Il rilassamento di Jacobson”, un audio guidato per il rilassamento rapido della durata di 15 minuti, utile per affrontare l’ansia, i pensieri negativi e lo stress.

Infine, se vi fa piacere, sarei felicissimo se voleste lasciarmi una recensione su I-Tunes o Audible, e seguirmi su Spotify, Amazon Music, Google Podcast o da qualunque altra piattaforma mi stiate ascoltando, per aiutarmi a crescere e a migliorare sempre di più.

Se invece avete visto questo Podcast in formato video tramite Youtube, Facebook o altro vi chiedo comunque la cortesia, se potete, di lasciarmi una recensione su I – Tunes.

Lasciarmi una recensione è facile, ma se non sapete come fare trovate un link in descrizione che vi spiega passo passo come fare, in modo semplice e veloce.

Prima di salutarci vi invito ad andare sul sito ufficiale “niente-paura.it” dove potrete approfondire la vostra esperienza, scoprire di più su di me, sugli studi dove lavoro, sulle sedute tramite video consulenza per tutta Italia e per gli Italiani all’estero, oltre ad altro ancora.

Il prossimo episodio di “Niente-Paura” uscirà tra una settimana esatta, ma ora vorrei chiedervi una cosa… che cos’è che rovina una relazione di coppia?

Lo scopriremo nella prossima puntata, A PRESTO!

Leggi il testo di questa puntata o ascolta le puntate precedenti cliccando su: https://niente-paura.it/blog/

Link per il canale Telegram: https://t.me/niente_paura

Per iscriversi alla News Letter: https://niente-paura.it/ in fondo ad ogni pagina

Come lasciare una recensione su I-Tunes: https://niente-paura.it/podcast-spiegazioni/

Disegni by: Giulia Gennaretti

 

Condividete l'articolo se vi è piaciuto
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram

ARTICOLI PIù LETTI