Leggere la mente

 

Buongiorno a tutti e benvenuti ad una nuova puntata del Podcast di Niente Paura!

Oggi tratteremo di come alcune persone sembra che riescano a leggere nella mente e di come questa “abilità” non abbia nulla a che fare con la magia ma, al contrario, è alla portata di tutti.

Scopriamola insieme!

 

L’argomento del giorno

 

La forza delle nostre convinzioni è incredibile, come abbiamo già avuto modo di scoprire nella puntata relativa all’effetto placebo e all’effetto nocebo, ma ancora non abbiamo visto quanto questa forza può essere ritorta contro di noi a causa dell’Effetto Forer (dal nome del suo scopritore).

 

Bertram Forer era uno psicologo e professore universitario, che nel 1948 ideò un esperimento molto singolare.

Il suo scopo era quello di valutare la validità delle procedure diagnostiche dei test di personalità, ma mentre andava avanti con i suoi studi scoprì che le persone tendono a riconoscersi con qualunque descrizione veniva fornita loro per il solo fatto che gli sia stata fornita una descrizione.

Questo era un problema, perché le persone, riconoscendosi in qualunque descrizione venisse offerta loro, tendevano a confermare la valutazione fornita (rendendo di conseguenza ingannevoli i risultati dei test).

L’altro grande problema di questo effetto era il fatto che le persone tendevano a trovare conferme anche in descrizioni fornite da enti non scientifici, come gli oroscopi o la lettura della mano ad opera di chiromanti.

 

Questo effetto era presente perfino in ambito accademico, in quanto notò che gli studenti che si preparavano all’esame di psicopatologia erano convinti, dopo numerose letture, di avere tutti i disturbi psichici contemplati nel manuale.

Per dimostrare che questo effetto esistesse Forer chiese ai suoi studenti di compilare il Diagnostic Interest Blank, un piccolo questionario consistente in una serie di hobby e aspirazioni personali.

Dopo che gli studenti ebbero terminato il questionario il professore “valutò” i risultati ottenuti fornendo in risposta agli studenti un breve responso, molto vario e generico.

Questo responso era in realtà identico per tutti gli studenti, indipendentemente da ciò che essi avevano riportato nel questionario.

 

Il “responso” uguale per tutti gli studenti era il seguente:

 

✓ Hai un grande bisogno di piacere e di essere ammirato dagli altri.

✓ Mostri la tendenza a criticare te stesso.

✓ Hai una grande quantità di doti non utilizzate, che non hai saputo sfruttare a tuo vantaggio.

✓ Quando avverti qualche debolezza sei facilmente in grado di compensarla.

✓ La tua maturazione sessuale ha presentato criticità.

✓ Disciplinato e controllato al di fuori, tendi a essere internamente insicuro e preoccupato.

✓ A volte hai seri dubbi e ti chiedi se tu stia prendendo la decisione corretta o stia facendo la cosa giusta.

✓ Quando sei accerchiato da restrizioni e limiti ti senti insoddisfatto, preferisci il cambiamento e la complessità.

✓ Ti vanti di avere delle idee tue e non accetti affermazioni altrui se non sorrette da prove soddisfacenti.

✓ Ti sei trovato a essere imprudente, parlando di te in modo troppo aperto con gli altri.

✓ A volte sei estroverso, affabile, socievole, mentre altre volte sei introverso, diffidente e riservato.

✓ Alcune delle tue aspirazioni tendono a essere irrealistiche.

✓ La sicurezza è uno dei tuoi obiettivi nella vita.

 

Vi siete ritrovati anche voi nella descrizione? In effetti è così generica che, non sapendo dell’esperimento, è facile ritenere che molti di questi aspetti facciano parte della nostra personalità.

Prima di consegnare questo falso responso agli studenti il professore chiese loro di mantenere il riserbo sui risultati ottenuti e di valutare, con un punteggio da 0 a 5 per ogni descrizione, quanto questa valutazione fosse accurata scrivendo il risultato della stessa ed eventuali altri commenti sulla busta contenente il responso, ottenendo per queste descrizione una media di 4,26 su 5 (ovvero una accuratezza dell’85,2%, veramente molto alta).

Uno ad uno gli studenti dissero ad alta voce quali fossero le loro impressioni sul test e quanto fosse accurata la valutazione, poi il professore chiese loro di confrontarsi sui responsi ottenuti e fu quindi svelato a tutti l’esperimento che si era appena concluso.

 

 

Perché è importante

 

L’effetto Forer, a mio avviso, dovrebbe essere insegnato in tutte le scuole, perfino nelle scuole elementari, perché sapere della sua esistenza ci permetterebbe di riconoscere imbroglioni e chiromanti, e ci metterebbe al sicuro dai loro inganni volti solo ad ottenere i nostri soldi e la nostra fiducia.

Coloro che sembrano essere in grado di leggere nella nostra mente infatti spesso forniscono elementi talmente generici da poter essere riconosciuti come “propri” dalla maggior parte delle persone, e a quel punto sono le stesse persone a parlare spontaneamente con il truffatore fornendogli dati sempre più precisi e alimentando così la convinzione che “il mago” sia effettivamente in grado di leggere nella mente.

 

 

I consigli dello psicologo

 

Il mio primo consiglio è quello di diffidare da tutti coloro che cercano di spacciarsi come detentori di particolari poteri o abilità, perché potrebbero cercare di sfruttare il vostro dolore e la vostra ricerca di una soluzione ad un problema contro voi stessi.

Problemi di coppia, attacchi di panico, bassa autostima, solo per fare degli esempi, sono tutti problemi che possono essere risolti facilmente a patto di investire le proprie energie per ridurre le nostre rigidità e diventare persone migliori.

Questo risultato non può certo essere ottenuto con il “sale dell’Hymalaia” o con altre formule o sostanze “magiche” che un truffatore può proporci avendo guadagnato la nostra fiducia grazie all’effetto Forer.

 

Il secondo consiglio è quello di visitare il sito del CICAP (www.cicap.org)

Il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) è un’associazione di promozione sociale, scientifica ed educativa, che promuove un’indagine scientifica e critica nei confronti delle pseudoscienze, del paranormale, dei misteri e dell’insolito con l’obiettivo di diffondere la mentalità scientifica e lo spirito critico.

Leggendo i vari articoli presenti, vedendo i loro video su Youtube e seguendo questa associazione potreste scoprire che molte cose che possono apparire “magiche” o “inspiegabili” hanno invece delle spiegazioni molto semplici e concrete, per cui diffidate sempre di chi vuole apparire come dotato di capacità fuori dall’ordinario.

 

 

Saluti e anticipazioni

 

Eccoci arrivati alla fine di questa puntata.

Cosa ne pensate di questo episodio? Vi siete mai imbattuti in qualcuno che sembrasse riuscire a leggervi nella mente? Conoscete qualcuno che è potrebbe essere rimasto suggestionato a causa dell’effetto Forer?

Per farmi sapere vi invito ad iscrivervi al gruppo Telegram di “Niente Paura”, dove potrete far sentire la vostra preziosa opinione, grazie alla quale questo podcast migliorerà sempre di più.

Vi invito anche a condividere questa puntata con le persone che conoscete e che sono interessate alla psicologia, alla crescita personale e che tendono a credere a maghi e chiromanti.

Se vi piace l’uso delle e-mail vi invito anche ad iscrivervi alla newsletter di “Niente Paura”, in modo da non perdervi nessuna nuova uscita e poter riscattare il vostro regalo gratuito “Il rilassamento di Jacobson”, un audio guidato per il rilassamento rapido della durata di 15 minuti, utile per affrontare l’ansia, i pensieri negativi e lo stress.

Infine, se vi fa piacere, sarei felicissimo se voleste lasciarmi una recensione su I-Tunes, e seguirmi su Spotify, Amazon Music, Google Podcast o da qualunque altra piattaforma mi stiate ascoltando, per aiutarmi a crescere e a migliorare sempre di più.

Se invece avete visto questo Podcast in formato video tramite Youtube, Facebook o altro vi chiedo comunque la cortesia, se potete, di lasciarmi una recensione su I – Tunes.

Lasciarmi una recensione è facile, ma se non sapete come fare trovate un link in descrizione che vi spiega passo passo come fare, in modo semplice e veloce.

Prima di salutarci vi invito ad andare sul sito ufficiale “niente-paura.it” dove potrete approfondire la vostra esperienza, scoprire di più su di me, sugli studi dove lavoro, sulle sedute tramite video consulenza per tutta Italia e per gli Italiani all’estero, oltre ad altro ancora.

Il prossimo episodio di “Niente-Paura” uscirà tra una settimana esatta, ma ora vorrei chiedervi una cosa… Come si può imparare a dire di no?

Lo scopriremo nella prossima puntata, A PRESTO!

 

Leggi il testo di questa puntata o ascolta le puntate precedenti cliccando su: https://niente-paura.it/blog/

Link per il canale Telegram: https://t.me/niente_paura

Per iscriversi alla News Letter: https://niente-paura.it/ in fondo ad ogni pagina

Come lasciare una recensione su I-Tunes: https://niente-paura.it/podcast-spiegazioni/

Disegni by: Giulia Gennaretti

Condividete l'articolo se vi è piaciuto
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram

ARTICOLI PIù LETTI