Le persone con Disturbo ossessivo compulsivo di ripetizione e conteggio, avvertono l’estrema urgenza di ripetere delle azioni precise per evitare che ciò che le spaventi si avveri.

Questa urgenza diventa ben presto una costrizione a cui il paziente non riesce a fare a meno.

Un esempio comune di ripetizione è la ripetizione di ogni singola parola che viene pronunciata, allo scopo di proteggere sé stessi o altri (ad esempio familiari o amati) da possibili disgrazie o morte.

Un esempio di conteggio invece è l’abitudine pervasiva di contare o fare operazioni su qualsiasi cosa in cui la persona si imbatta.

Questo tipo di pensiero viene chiamato “pensiero magico” perché si è convinti che attraverso una azione totalmente slegata dal nesso causa-effetto che si possa influire sul bene o sul male verso quella persona.

Le compulsioni di ripetizione e conteggio possono essere dirette ad ogni tipo di oggetto o azione, come contare gli scalini, la quantità di macchine di un determinato colore, pensare a delle serie di numeri o schemi. Come per il DOC di controllo, queste persone tentano di prevenire o neutralizzare possibili catastrofi ma, a differenza dei primi, non è possibile individuare una connessione logica (il nesso causa-effetto) fra l’ossessione e la compulsione, perché nel loro pensiero è espressa una componente magica (il pensiero magico visto precedentemente o la semplice superstizione).

Vivere una vita normale con queste continue compulsioni risulta impossibile, ed è oggettivamente inimmaginabile per chi non soffre di DOC di ripetizione e conteggio.

Per questo vi invito a vedere questi brevissimi video tratto dal film “Toc Toc” che, in poco tempo, possono darvi l’idea di quale sia la giornata tipo di una persona con queste compulsioni.

 

 

In questo primo video vediamo il caso di Lily (da Liliana) un evidente DOC di ripetizione. Lei semplicemente ripete tutto quello che le capita di dover dire (in un punto del film si scopre che ha iniziato con questo DOC quando il padre è morto e lei ha moltissima paura di morire).

Questo DOC (come tutti i malesseri di tipo psicologico) ha anche un effetto positivo che rinforza la sua presa su Lily; in questo caso il dovere di ripetere sempre tutto le ha permesso di avere il corso di Zumba più frequentato della città, ma questo le impedisce qualsiasi legame sociale o sentimentale.

 

In quest’altra Clip vediamo il caso di Emilio, un tassista che conta compulsivamente qualsiasi cosa, dalle macchine agli spermatozoi in un anno, dalla quantità di gradini fino alla quantità di passeggeri con un colore dei capelli rispetto ad un altro.

Questo DOC di conteggio, malgrado sia meno disagevole per le altre persone del DOC da ripetizione, ha ugualmente un effetto disastroso sulla vita del paziente.

Pensate a non potervi mai fermare, ad essere costretti a contare ancora e ancora e ancora, all’infinito qualsiasi cosa in cui vi capiti di imbattervi…

 

Alla fine del video si intravede un altro problema di Emilio, ovvero il Disturbo ossessivo compulsivo di accumulo/accaparramento (Hoarding); per approfondimenti su quest’ultimo cliccate qui.

Se volete approfondire le caratteristiche e le altre tipologie di Disturbo Ossessivo Compulsivo cliccate qui:

Se invece state vivendo un problema simile o se una persona a voi cara lo sta vivendo ricordate che anche se è molto dura, è possibile affrontare e vincere il Disturbo Ossessivo Compulsivo in qualunque forma grazie all’aiuto di uno psicologo esperto.

Foto by Pixabay

Condividete l'articolo se vi è piaciuto
Call Now ButtonChiama ora!